Come Tradurre un Documento PDF?

Negli ultimi decenni, il PDF è diventato uno dei formati di documento più usati nel mondo. Tuttavia, tradurre un documento PDF non è semplice, perché questo formato è stato principalmente concepito a scopo di distribuzione e pubblicazione e non per subire modifiche.

Se operi all’interno di una società sprovvista di grafici e impaginatori, ti ritroverai a ricevere la sola traduzione del testo, da inserire, poi, in un successivo formato grafico in PDF. Che dovrà essere preparato e formattato, separatamente, da altri.

Prima di passare alla traduzione, però, iniziamo a conoscere un po’ meglio il formato PDF.

Documento PDF: Cos’è?

PDF è l’acronimo inglese di Portable Document Format, cioè un formato per documenti visualizzabili su diversi dispositivi. Inizialmente, il PDF era usato per condividere documenti aziendali.

I documenti in PDF contengono solitamente testo, ma sono adatti anche per immagini, diagrammi e tabelle.

Questo tipo di file è leggero, facile da usare e arricchito da funzioni per evidenziare, modificare e aggiungere note testuali e commenti.

Quale Tipo di Documento PDF Vorresti Tradurre?

La qualità della traduzione dipende proprio dal tipo di PDF che devi tradurre. Alcuni documenti possono essere sovrascrivibili, cioè editabili (in questo caso basta selezionare il testo con il cursore e procedere alla modifica), oppure scannerizzati (immagini in PDF).

Conoscere, quindi, a priori, la tipologia di file PDF che hai di fronte, ti consentirà di ricevere una traduzione accurata e ben formattata.

Immagini PDF Scannerizzate

Per tradurre le immagini PDF scannerizzate, il primo passo è convertire il loro testo in un formato modificabile. In questo tipo di file, la conversione avviene tramite software OCR. Quest’ultimo è l’acronimo che indica un software per il riconoscimento ottico dei caratteri (Optical Character Recognition).

Il programma converte i documenti scannerizzati in dati che si possono modificare su un computer. I programmi OCR non sono gratuiti. Si tratta di:

Tutti questi programmi ti consentono di convertire i documenti PDF in testi modificabili. Sfortunatamente, i software OCR non sempre sono accurati e di solito la formattazione del documento PDF originale non viene quasi mai mantenuta.

Avrai il testo, questo sì, ma nessuna formattazione grafica. E anche se dovessi averla, ti ritroverai con problemi di spaziatura e righe errate, oltre alla sgradevole presenza di caratteri strani e incomprensibili.

Documenti PDF con Testo Modificabile

I PDF modificabili sono in assoluto i più semplici da tradurre. In tal caso, possiamo tranquillamente evitare il software di conversione e procedere direttamente all’estrazione del testo. A questo punto, basta copiarlo e incollarlo su Microsoft Word e procedere alla traduzione.

Prima di tradurre, ricontrolla il file per eliminare refusi, ripetizioni, accenti superflui e frasi illeggibili. In tal modo, il testo apparirà correttamente formattato e pronto per essere tradotto.

Preparazione del File e Traduzione

Purtroppo, a prescindere dal tipo, un file PDF richiede sempre un’attenta preparazione prima della traduzione.

I problemi più comuni nella formattazione del PDF sono, infatti, caratteri strani, lettere irriconoscibili, punteggiatura confusa e stili differenti che si mescolano tra loro o si distribuiscono in diversi blocchi di testo.

Il lavoro di formattazione non viene mai effettuato dai traduttori, ma da specialisti del Desktop Publishing, cioè da esperti di grafica e impaginazione.

Una volta che il file è pronto per la traduzione, viene affidato al traduttore, che, a sua volta, si avvarrà di software di traduzione computerizzati. Questi strumenti di traduzione convertiranno il PDF in DOC tramite programma OCR integrato, in modo da snellire e velocizzare il flusso di lavoro.

Tuttavia, senza una preparazione accurata e professionale (da effettuare prima della traduzione), il file tradotto avrà solo tantissimi, sgradevoli e inutili errori di formattazione.

Immagini Incorporate

Mantenere la formattazione originale delle immagini incorporate rappresenta una delle più grandi limitazioni nella traduzione del file PDF. Attualmente, non esiste nessuna opzione per modificare e migliorare le immagini dei file PDF.

Solitamente, infatti, si tratta di immagini a bassa risoluzione, che funzionano bene sullo schermo, ma non sul documento stampato. Dopo la traduzione, anche l’immagine dovrà essere estratta e ricollocata su un nuovo schema grafico.

Nessun problema, se il PDF tradotto dovrà essere diffuso online. Se, invece, il file sarà destinato alla stampa, le immagini incorporate non potranno avere una risoluzione qualitativamente apprezzabile.

Formattare dopo la Traduzione

Dopo aver completato la traduzione, bisognerà effettuare un altro controllo di Desktop Publishing, per assicurarsi che il documento finale abbia la stessa formattazione di quello d’origine.

Basti pensare al fenomeno dell’espansione e contrazione del testo, molto comune nel campo delle traduzioni. Il testo tradotto, infatti, può essere più lungo o più corto di quello scritto nella lingua sorgente.

In media, ad esempio, un documento in italiano è più lungo del 20-30% rispetto al suo equivalente in lingua inglese, perché la lingua italiana ha bisogno di più parole per esprimere lo stesso concetto.

Quindi, se il testo originale in inglese aveva 3000 parole, quello tradotto in italiano ne avrà 3500 o 4000. In questa fase, il team di Desktop Publishing dovrà creare un nuovo schema grafico che sia adatto a ospitare il documento tradotto.

Servizi DTP

Immagina se tu potessi inviare il tuo PDF da tradurre a una società di traduzioni e riceverlo perfettamente tradotto e formattato, senza alcun errore o differenza (testuale e grafica) rispetto al documento originale.

Beh, noi possiamo offrirti tutto questo. Basta davvero poco: contattaci e otterrai la traduzione e il servizio di Desktop Publishing (DTP) che ti consentirà di ottenere documenti perfetti e pronti all’uso!

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Condivide sui social

Iscriviti alla nostra newsletter

altre articoli